“Mezzo milione di euro dei lombardi per far quadrare un pasticcio targato Lega “. Niccolò Carretta, consigliere regionale  del gruppo Lombardi civici europeisti e coordinatore della Lista civica Giorgio Gori sindaco commenta così  la delibera approvata oggi dalla giunta regionale che prevede  l’esercizio del diritto di prelazione della chiesa dei frati dell’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo.  “Per me- afferma Carretta- rimane una grande ingiustizia per chi il bando l’ha vinto e per chi, come la comunità ortodossa, non potrà rientrare nel luogo di culto che la Regione  ha venduto come fosse un qualsiasi altro immobile”.

“Temo fortemente – conclude Carretta – che, visti i dubbi sulla prelazione, possano esserci  ricorsi ed esposti. Resta una grande amarezza per la poca serietà e la poca professionalità con cui è stata gestita una situazione che mette nelle mani del Comune di Bergamo la responsabilità di gestire possibili conflitti tra comunità religiose”.

Milano, 20 maggio 2019

Categorie: Ambiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *